Archivio per gennaio, 2010

21.1.2010 Trio Naga + R. Bellatalla, A. Succi

Posted in date già passate with tags on gennaio 18, 2010 by iatoconcerti




Giovedì 21 gennaio 2010
22:00
Il Cantiere
Via G. Modena 92, Roma

iato presenta

Trio Naga

Errico De Fabritiis: sax soprano, sax alto, sax tenore
Giuseppe Savino: trombone, tuba, digeridu, oggetti
Giulio Maschio: batteria, percussioni, tromba, elettronica

ospiti:
Achille Succi: sax contralto, clarinetto basso
Roberto Bellatalla: contrabbasso

Lontano da ogni atteggiamento compiacente verso le esigenze di un mercato sempre più stereotipato, il Trio Naga percorre la strada di una ricerca non convenzionale e creativa verso una dimensione di semplice autenticità, in cui il mondo esterno e lo spazio interiore si fondono per dare vita ad una musica feconda, capace di far convivere il nuovo con l’antico, il semplice e il complesso, lo scarno e il ridondante.

www.myspace.com/trionaga
www.myspace.com/achillesucci

14.1.2010 Ottaedro

Posted in date già passate with tags on gennaio 10, 2010 by iatoconcerti




Giovedì 14 gennaio 2010
22:00
Il Cantiere
Via G. Modena 92, Roma

iato presenta

Ottaedro

Olivia Bignardi: clarinetto e sax contralto
Benni Penazzi: violoncello
Alberto Fiori: piano
Alberto Sarcina: basso, chitarre, voce
Leo Saracino: batteria

Il progetto Ottaedro nasce da un idea di Alberto Sarcina. Il nome del progetto è quello di un libro di racconti di Julio Cortazar, lo scrittore argentino noto anche per il suo romanzo Rayuela (in italiano Il gioco del Mondo) e per le storie di Famas e Cronopios. Il progetto prende il nome da uno dei suoi libri piu’ famosi un po’ come forma di omaggio, un po’ perche’ a quello stile di scrittura si ispirano le composizioni originali del gruppo. Nei racconti di Cortazar spesso l’aspetto fantastico, surreale o tragico, prende il via da un episodio o un particolare del tutto banale, quotidiano, al quale però lo scrittore fa prendere una via inaspettata, fino a portare la vicenda ad un parossismo che ne stravolge l’aspetto originario. Nei brani del gruppo si svolgono simili processi, in cui ad esempio un tango appare inaspettatamente in 5/4 e, nonostante sembri un ritmo riconoscibile, in realta’ porta verso uno svolgimento del brano completamente diverso, un tango ballabile solamente con due piedi e mezzo. All’interno di queste composizioni sembrera’ quindi di riconoscere linguaggi tipici di musiche diverse, anche grazie alla composizione eterogenea dei musicisti del gruppo. Jazz, ritmi latini, rock, ballate e addirittura canzonette riecheggiano nella musica di Ottaedro, ma in realta’ nessuno di questi stili descrive completamente cio’ che avviene nel corso di un singolo brano, perche’ i singoli linguaggi vengono stravolti ed utilizzati ai fini del racconto musicale. I brani di Ottaedro risultano quindi delle suites immaginifiche, delle danze impossibili da ballare, dei racconti interiori in cui riecheggiano immagini e suoni apparentemente riconoscibili, ma che nascondono una faccia inaspettata.

www.myspace.com/ottaedro

7.1.2010 Buon compleanno Giacinto

Posted in date già passate with tags on gennaio 4, 2010 by iatoconcerti




Giovedì 7 gennaio 2010
dalle 21:30 in poi
Il Cantiere
Via G. Modena 92, Roma

iato presenta

BUON COMPLEANNO GIACINTO
Un concerto per celebrare il compleanno di Giacinto Scelsi

da Alvin Curran, Mike Cooper, Luca Venitucci, Luca Tilli,
Roberto Bellatalla, Fabrizio Spera ed altri, che proporranno dei soli


Giacinto Scelsi – (8 gennaio 1905 – 8 agosto 1988) La musica di Giacinto Scelsi fu largamente ignorata per la maggior parte del tempo in cui il compositore fu in vita, a causa del suo rifiuto di concedere interviste o di fare commenti analitici sul suo lavoro, oltre che della rarità delle esibizioni dal vivo. A partire anni ’40 in poi Scelsi vide la musica come una forma di rivelazione spirituale. Iniziò a comporre i suoi migliori lavori conosciuti, caratterizzati dalla presenza di armonie statiche, superficiali fluttuazioni timbriche e inflessioni microtonali. Questo tipo di minimalismo armonico venne da lui sviluppato in modo del tutto indipendente dalle altre correnti minimali del ventesimo secolo, e fu recepito con fascinazione dal mondo musicale quando la sua musica iniziò finalmente ad essere oggetto di esibizioni e di registrazioni nel corso degli anni ’80. Scelsi ha realizzato oltre cento composizioni per organici diversi, tra cui orchestra, ensemble da camera, quartetti d’archi, solo e duo. Molti dei suoi brani hanno origine da improvvisazioni incise su nastro e successivamente trascritte. Scelsi vedeva il compositore come un creatore di circostanze entro le quali dei segreti sonori possono rivelarsi. Egli fu inoltre affascinato dalla possibilità che una singola nota possa produrre un intero universo sonoro. Oggi è considerato uno dei più grandi compositori europei di musica contemporanea.

Giacinto Scelsi ha vissuto per la maggior parte della sua vita ed è morto a Roma. Il 6 maggio 2009 è stato inaugurato l’Archivio Storico della Fondazione Isabella Scelsi. Una unica collezione di oltre 16.000 documenti, per la maggior parte inediti, che illuminano il lavori del compositore, è aperta al pubblico. Per visitarla è possibile contattare la Fondazione Isabella Scelsi, Via S. Teodoro 8, Roma – Tel. 06.69920344, email fondazione@scelsi.it

Questo concerto di improvvisazioni in solo da alcuni dei migliori esponenti della scena improvvisativa romana vuole essere una celebrazione del compleanno di Scelsi, e si concluderà in quella data.